Resilienza Territoriale

Anna Billi.

Buongiorno Anna. Anzitutto presentati ai nostri lettori: chi sei e di cosa ti occupi?


“Mi chiamo Anna Billi e sono distrect manager del gruppo Dentalcoop.

Mi occupo in particolar modo della supervisione delle cliniche odontoiatriche della Romagna, terra alla quale sono fortemente legata.

La mia carriera in questo mondo comincia all’età di 17 anni.

All’epoca frequentavo ancora le scuole superiori, ma ebbi l’occasione di iniziare a lavorare presso un dentista della mia zona.

In seguito mi iscrissi all’Università ma la lasciai pochi anni dopo per dedicarmi a tempo pieno all’attività di rappresentante sempre nel mondo della cura dentale.

Dopo essermi sposata mi trasferii a Rimini, un territorio che rispetto ad altri offre meno possibilità per chi non viene dal mondo del turismo e della stagionalità.

In seguito arrivarono i figli e successivamente la separazione.

Ho avuto la fortuna di lavorare nel settore commerciale passando da un ambito all’altro diversificando molto le mie competente e assorbendo tanto da ciascuno di essi: dall’informatica all’edilizia passando per la vendita di finestre e detersivi, sia in Italia che nella Repubblica di San Marino.

Alla fine del percorso, però, sono approdata nuovamente nel mondo dell’odontoiatria, che mi ha dato la possibilità di mettere a frutto l’esperienza accumulata in tanti anni”.


Qual è stata l’importanza della Resilienza nella tua vita lavorativa e non? Puoi raccontarci un episodio significativo?
“Quando sono arrivata in Romagna, ero una mamma separata con due figli di cui prendermi cura.

Una situazione davvero complicata e per certi versi pesante.

Aggiungiamoci il fatto che proprio in quel periodo si iniziano ad avvertire gli effetti della crisi economica globale.

Insomma: la mia preoccupazione più grande era quella di riuscire a portare a casa lo stipendio, quindi non andavo tanto per il sottile.

E’ stato proprio in quel periodo, per certi versi così difficile, che ho imparato una lezione importante: ovvero che la forza sta dentro di noi e che non dobbiamo mai smettere di imparare e conoscere le cose.

Anche questa in un certo senso è una forma di resilienza”.

Abbiamo realizzato per te un test sulla Resilienza!

Resilienza significa anche capacità di trasformare un problema in opportunità: condividi questa visione? In che modo sei riuscito a metterla in pratica?

“A mio modo di vedere Resilienza è quella capacità che ti permette di adattarti alle diverse situazioni e di cadere sempre in piedi.

Dobbiamo capire che nella vita ci sono cose che non possiamo cambiare e altre invece che possono essere cambiate.

E’ su queste ultime che dobbiamo focalizzare la nostra attenzione.

Per questo serve una certa inclinazione che ho avuto la possibilità di coltivare approcciandomi ormai due anni fa al mondo del coaching e della formazione.

Per me è stata un’occasione d’oro per approfondire aspetti quali i rapporti personali con le altre persone, affinando le capacità di ascolto e di problem solving che durante la mia carriera mi sono spesso tornate utili”.

Quale consiglio di sentiresti di dare ad imprenditori e professionisti che in questo periodo potrebbero sentirsi spaventati o preoccupati dalla situazione che stiamo vivendo?

“Il consiglio che mi sento di dare è di concentrarsi su quelle che sono le loro potenzialità.

Avere degli obiettivi chiari e precisi è fondamentale se vogliamo andare veloci.

Ma la velocità deve manifestarsi anche quando dobbiamo prendere una scelta di fronte a un imprevisto.

E’ un po’ quello che accade a tutti i viaggiatori.

Se voglio raggiungere la mia meta non mi fermerò di fronte alla prima interruzione.

Piuttosto cercherò una strada alternativa per arrivare a destinazione”.

Anna Billi

#Resilienza #collaborazione #imprenditori #territorio #etica

E tu puoi contribuire allo sviluppo di una Cultura basata su:

Idee Condivisione Valori

Test Resilienza

Scopri quanto sei Resiliente!

Fai il test e ti diremo il tuo livello di Resilienza e come migliorarlo