Resilienza Territoriale

Ciao Elisa. Presentati ai nostri lettori: chi sei e di cosa ti occupi?

“Mi chiamo Elisa Caltabiano e mi definisco la Coach del piacere perché così mi chiamano spesso le donne che incontro.

Il mio brand si chiama ViviAccesa.


Sono laureata in Economia che fa abbastanza ridere considerando la piega che ha preso la mia vita.


Poi però ho sempre lavorato in maniera tradizionale nel no- profit e nella comunicazione per qualche anno.


Dopo la mia prima figlia ho iniziato a lavorare su di me perché mi sono resa conto che avevo delle lacune pazzesche a livello di capacità di capirmi e di entrare nel profondo di me stessa.


Quindi ho iniziato a sentirmi e ad ascoltarmi.


Poi è arrivato un altro figlio e con lui questo bisogno di capire per cosa ero stata messa su questo pianeta.


A quel punto ho iniziato a lavorare come motivatrice di business e quindi ho iniziato ad aiutare le donne a capire cosa volevano fare della loro vita e attivare le proprie capacità.


A un certo punto mi sono resa conto che io e le clienti con cui avevo a che fare, nonostante mi piacesse molto lavorarci, avevamo dei blocchi molto potenti.


Ho iniziato ad indagare su metodi che potessero aiutarmi a sbloccare questi blocchi.


Nel frattempo dal punto di vista sessuale non ero contenta e ho capito che non era un problema tra me e mio marito che funzioniamo molto bene ma era proprio un problema mio perché faticavo a lasciarmi andare.


Quindi quando è arrivata l’opportunità di diventare Sex Lover Relationship Coach con Layla Martin, l’ho presa al volo.


Ho sentito un grande bisogno di prendere questa certificazione e di lavorare sodissimo per tantissime ore e questo è stato uno dei primi step.


Poi è stata una continua ricerca, un continuo lavoro su di me e sulla mia professionalità.


Sono diventata insegnante di Qoya che è una bellissima danza che ricorda a noi donne la nostra essenza che è saggia, selvaggia e libera.


Poi mi sono certificata anche come Secret Womb Practictioner, quindi proprio per attivare e risvegliare l’energia del grembo di noi donne e adesso mi sto certificando in Breathwork, una tecnica di respirazione molto interessante che aiuta a far emergere e risolvere tantissimi blocchi e a stare bene col proprio corpo”.


Qual è stata l’importanza della Resilienza nella tua vita lavorativa e non? Puoi raccontarci un episodio significativo?


“L’importanza della Resilienza nella mia vita, soprattutto quella professionale, mi fa pensare alle due grandi svolte nella mia vita.


Una è stata quando sono rimasta incinta della mia prima figlia.


Lavoravo in una banca e avevo una collaborazione a progetto ma al sesto mese di gravidanza sono stata lasciata a casa, nonostante io e il mio capo lavorassimo molto bene insieme.


Ma il mio capo fu molto categorico, o andavo in ufficio per tutto il giorno o niente.


Io ho sempre concepito la maternità come una cosa in cui ci sono molto per i miei figli i primi anni.


Lì mi sono dovuta reinventare con il limite del fatto che spesso in Italia non è concepito il fatto di potersi dividere davvero e invece sono riuscita a ritagliarmi un lavoro proprio su misura, per me.


Posso essere una mamma presente ma posso anche essere un’imprenditrice.
Inoltre la Resilienza c’è stata per quanto riguarda l’altro pezzo del mio lavoro cioè fare solamente la motivatrice di business non era sufficiente per me e lì sono entrata in una crisi profonda perché per me era assolutamente importante capire per cosa ero fatta, per cosa ero venuta su questa Terra, quale era la mia missione.


Quindi è stata una continua ricerca, spesso non nel piacere, nel senso che molto spesso è stata segnata da una grande frustrazione di non sapere quale fossa la mia strada e quindi non mi sono neanche particolarmente divertita col senno di poi.


Invece ora uno dei miei mantra è proprio ‘’Enjoy the journey’’, cioè cerca di divertirti e di prendere il meglio da qualsiasi situazione.


Quindi io ho trasformato un mio problema in opportunità.


Facevo la motivatrice di business e avevo una competitor che era più avanti di me: a me veniva un’idea, la sviluppavo e la mettevo in prodotto e nello stesso periodo lei metteva fuori lo stesso identico prodotto.
Non era un copiarsi a vicenda, semplicemente eravamo ispirate allo stesso modo.

Per me era frustrante perché lei vendeva tantissimo e io pochissimo perché avevo iniziato da poco e non avevo il seguito che aveva lei.


Questa cosa mi ha portato, invece che a deprimermi o a cambiare del tutto, a cercare qual era la mia nicchia.


E ho trovato la mia nicchia del piacere, infatti aiuto le donne a risvegliare il piacere e anche le imprenditrici con il loro business a sbloccarsi e ad essere se stesse”.

 

Abbiamo realizzato per te un test sulla Resilienza!

L’attuale emergenza Coronavirus ha obbligato tanti imprenditori e professionisti a reinventarsi o a proporre nuove soluzioni. Tu in che modo lo stai facendo?

“Questo Coronavirus ha messo a dura prova la mia Resilienza nel senso che mi ha riportato a mettere in campo ogni giorno sempre quello che ho imparato applicandolo prima di tutto su di me.


Io ho sempre lavorato on-line quindi in realtà per me sono cambiati i tempi, avendo anche i bambini spesso mi ritrovo a lavorare fino alle due di notte perché lì non c’è nessuno che mi interrompe.


Mi sono lanciata di più, infatti mi sto certificando in Breathwork e ho pensato che fosse il momento giusto per concentrarsi su questo tema della respirazione.

Ho rimodellato il metodo imparato da questa certificazione che sto prendendo, in un modo che piace a me, rendendolo femminile e collegandolo al proprio grembo, alla parte più profonda di noi donne.

Questo coronavirus è stata un’occasione per lasciar perdere quelle scuse che ogni tanto abbiamo.

Ho iniziato ad offrire per la mia NewsLetter Breathwork gratuiti e ho cercato di essere più attiva.

Diventava sempre più importante per me riuscire ad offrire queste respirazioni con questo metodo al mio pubblico”

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

“I miei progetti futuri: quest’autunno inizierà un progetto di gruppo di nove mesi dedicato alle donne che vogliono migliorare il proprio rapporto con il proprio corpo e migliorare il rapporto con il proprio piacere che purtroppo non è stato tanto visto in maniera positiva negli ultimi secoli.

E’ una cosa a cui sto lavorando adesso, non ha ancora un nome, io lo chiamo ‘’Inner Circle’’ e lo vedo come un gruppo di poche donne selezionate al massimo quindici, che hanno proprio voglia di lavorare su di sé, lasciarsi andare senza pensare troppo sempre e tirare fuori la propria sensualità e la propria femminilità come non hanno mai fatto prima.

Si tratta quindi di un percorso di gruppo dedicato al piacere, un Mastermind lo definirei.


Per ricevere aggiornamenti sui breathwork e sui miei corsi: https://viviaccesa.it/per-te/ in regalo il meraviglioso ebook Magnetica&Irresistibile ricco di pratiche”.

Elisa Caltabiano

#Resilienza #collaborazione #imprenditori #territorio #etica

Abbiamo realizzato per te un test sulla Resilienza!

E tu puoi contribuire allo sviluppo di una Cultura basata su:

Idee Condivisione Valori

Test Resilienza

Scopri quanto sei Resiliente!

Fai il test e ti diremo il tuo livello di Resilienza e come migliorarlo